Un Borghese Bipolare

Cosa c’entra non so, ma è questo che ho pensato. L’uffa è perché non mi aspettavo quel pensiero in quel momento. Anche se mi ha permesso di finalmente capire, era da un po’ che lo sospettavo, che mi fido di lei.

Sento che sta facendo la cosa giusta, allora perché sento tutto il mio essere rivoltarsi? Liam e sua sorella ne hanno passate tante nella loro breve vita ed ora, quando tutto sembrava andare a gonfie vele, arrivo io e gliela scombino di nuovo. Avevo giurato a me stesso che avrei protetto questi ragazzi ed ora sono proprio io a metterli in pericolo. Non aspetto di vedere la sua reazione, prendo dall’attaccapanni la camicia e la giacca e esco velocemente dall’appartamento. Ho piantato un piccolo seme e voglio vedere cosa ne nascerà. Se le cose andranno come spero, non tarderà a cercarmi.

Intanto lui è lì con i suoi xxxmila follower? Al contrario di noi qui che per forza di cose siamo destinati a lasciare causa estinzione naturale del blog. Invece che dall’amigdala io credo che il razzismo di alcuni dei partecipanti a questo blog sia causato dal fatto che, non avendo superato il complesso di Edipo, trovano insopportabile il https://fifem.com/wp/intranet/2021/10/01/giochi-da-tavolo-piu-amati-in-italia/ confronto contemporaneo del loro pisellino col pisellone del padre e con quello dei negroni .

L’altra parte altrettanto bella è l’accoglienza di me stesso, lo spazio, l’amore, accettazione. E’ nell’archetipo l’energia femminile che rugge anch’essa ma in modo diverso. Si come qualcuno ha scritto credo che chi soffre per db possa essere o diventare una persona speciale perchè è un’esperienza che può essere trasformante, perchè ti setaccia, perchè ci sono tanti momenti in cui non capisci un cazzo, momenti che senti di essere nulla o un dio. Ma in questa storia paradossale c’è un senso profondo, che a me spiega solo la reincarnazione, solo in questo trovo un senso profondo per questa storia così paradossale che vivo.

  • Si sa che i paragoni storici valgono quello che valgono, l’Italia non è Weimar, una ragioniera della pianura mantovana non è un pittore austriaco coi baffetti da pirla, quelli che tagliano la torta con scritto Sieg Heil!
  • Solo l’ostensione grottesca di ego offerti alle masse, con la risibile giustificazione che in questo modo si è più vicini al “popolo”.
  • Cioè, non sarà il Rinascimento, ma su, dài, ci manca poco.
  • Per quanto vaghe siano le aspirazioni e per quanto fumoso sia il grande disegno pentastellato, ritrovarsi con la possibilità di comprarsi un kalashnikov senza troppe scartoffie non faceva parte di quei sogni.
  • In effetti ritengo che come per una spina nella pelle si genera un granuloma da corpo estraneo, per ogni problema che cerchiamo di rimuovere nel ricordo inevitabilmente ce lo ritroviamo in momenti in cui siamo meno coscienti tipo nel sogno ed a mio modesto avviso è un po’ così che si generano le voci .

Giles sembra perso nei suoi ricordi su quanto ha letto di quegli avvenimenti. Xander è rimasto come bloccato, con una mano alzata piena di pop corn che si stava portando alla bocca ( lui mi sa che è rimasto fermo al thriller). Willow invece sta guardando Buffy con aria divertita. Buffy invece sta guardando me con sguardo torvo. Mi sono arreso all’idea di fare la parte del fidanzatino, in fondo non è poi tanto male. Ma devo tenere conto delle conseguenze che Liam potrebbe ricavare se si sapesse dei nostri legami familiari, in certi ambienti il nepotismo non è ben considerato, anche se in questo caso il padre sono io.

Domenica sera è morto Giorgio Banali, che tutti abbiamo sempre chiamato Sergio e che per noi che gli volevamo bene era “Tato”, anzi, “il Tato Banali”. E’ morto a Varese, aveva 85 anni, era già vecchio – questo lo diceva lui, con un sorriso degli occhi dietro gli occhiali – quando noi giovanetti facevamo Cuore. Io scrivevo di musica per l’Unità e Michele Serra mi chiese se ci stavo a fare Cuore con loro, che usciva dal guscio del grande giornale del grande partito e andava da solo in edicola, non avevo nemmeno trent’anni, cazzo. Rieccoci con un paio di appuntamenti con Dove sei stanotte… Venerdì sera (il giorno 25, alle 20.30) si mangia, finalmente! Nel senso che alla Cascina di Mattia (che sta a Cantù, in via Ovidio 32) si terrà una “cena con l’autore” (che sarei io, eh!). Dicono che il menu sarà ispirato al libro e… vabbé… nel caso qualcuno voglia osare, la locandina è qui.

Poi si parla di una macronizzazione del povero Matteo Renzi, e si favoleggia di una union sacréecon Forza Italia per fare fronte comune al populismo. Cioè, se ho capito bene, i due cavalli di frisia di fronte al “populismo” sarebbero quello che inventato la tivù commerciale e quello che ha volantinato 80 euro alla vigilia delle elezioni. Il piano inclinato della sconfitta, insomma, si vede da subito, anche nella magistrale descrizione della provincia americana di fine anni Sessanta, perché a Chaze bastano tre righe, due movimenti e un guizzo per fare anche dei personaggi minori, fossero pure semplici passanti, ritratti che sembrano vivi. Così conosciamo colleghi, poliziotti, direttori e cassiere di banca, un girotondo di “tipi” intorno al tipo nostro, il povero Wittermark, che però un giorno si accorge – ha dovuto scriverne in cronaca – di quanto sia facile rapinare una banca. Insomma, sia messo a verbale che è assai difficile opporsi al salvinismo, malattia analfabeta del fascismo, se sei mesi fa si dicevano – con altri toni e vestiti meglio – più o meno le stesse cose. Lo sciopero dei padroni.Grande idea ferragostana del presidente di Confindustria Boccia, che minaccia una possibile mobilitazione di piazza degli imprenditori italiani.

Per quanto, da quello che so, questi sono tutti stabilizzatori dell’umore ora sono nella fase depressiva e non ce la faccio più. Se è vero quanto dici sulla sua famiglia che sapeva e taceva (se è vero) devo dire che anche la famiglia di mia madre ha tirato un sospiro di sollievo quando mio padre l’ha sposata. Ma è stato un matrimonio maledetto in cui il prezzo maggiore l’hanno pagato i figli. Ho conosciuto altre persone con lo stesso disturbo diagnosticato per scitto dallo specialista neuropsichiatria che l’hanno ottenuta come mio marito con percentuali che variano dal 80 al 90% (al di sopra del 67% c’è il diritto all’assegno se sei senza reddito).

Questo vuole dire la sentenza della corte europea, che deve oggi essere ringraziata da ogni vero italiano. I casi Giuliani e Diaz sono due cose diversissime. Nel primo caso, è solare che un carabiniere se l’è fatta addosso e ha sparato a una persona armata di estintore. Il processo avrebbe dovuto stabilire questo , con ferma serenità, e non inventarsi traiettorie strane e qualcosa che devia i proiettili, come nel caso sandri.

E’ una tesi molto comoda, che permette di non dissociarsi politicamente, ma di dare tutta la colpa al cattivo carattere, e lascia intendere la pronta disponibilità a risalire sul carro, se soltanto il ragazzo si darà una regolata. La stampa nazionale, almeno ieri, ha fatto finta di non sentire. Se si va a leggere la stampa locale, però, i commenti all’iniziativa “magliette gialle al terremoto” vanno dall’incredulità all’insulto fiero e contadino di quelle terre.

Registra solo quello che gli viene messo in testa. E’ chiaro che, ora come ora, è piuttosto forte la voglia di stendere questi due signori per terra e verificare in quanti pezzetti può essere tagliuzzato un corpo umano, mentre ancora strilla. Ora, posso aver fallato (come disse Renzo dopo aver un po’ strapazzato il colpevole don Abbondio) ma resto del parere che l’utente Thread non sia adatto a quel blog, anche se è certamente innocuo e ora ha ripreso a frequentarlo.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *